L'invito della Follia

l-invitation-de-la-folie.jpeg

"Tanto tempo fa, la Follia decise di invitare tutti i sentimenti, le qualità e i difetti per un'insolita riunione conviviale.
Dopo essersi riuniti tutti intorno ad un caffè, per animare l'incontro la Follia propose di giocare a nascondino...

"Cos'è ?" - domandò la Curiosità.

- "E' un gioco. Io conto fino a 1000 e voi vi nascondete, quando avrò terminato di contare, verrò a cercarvi e il primo che troverò sarà il prossimo a contare".

Accettarono tutti, ad eccezione della Pigrizia, della Paura, della Verità che non volle nascondersi, della Superbia che disse che era un gioco sciocco, della Codardia che preferì non rischiare.

1...2...3... cominciò a contare la Follia ... e la Fede salì al cielo... la Fretta si nascose per prima, dove le capitò... la Timidezza, esitante come sempre, si nascose in un gruppo di alberi... la Gioia corse per il giardino non curante di un vero e proprio nascondiglio... l'Invidia si nascose dietro l'ombra di Trionfo che era riuscito a salire fino alla punta dell'albero più alto... la Tristezza incominciò a piangere perchè non trovava un angolo adatto per occultarsi... la Generosità non riusciva a nascondersi perchè ogni posto trovato lo lasciava ai suoi amici... Un lago cristallino adatto per la Bellezza...
Un soffio di vento ? Ideale per la Libertà... finchè non decise di nascondersi dietro un raggio di sole...
l'Egoismo naturalmente si prese il posto migliore di tutti... la Bugia si nascose... veramente non si sa dove...

Il Desiderio e la Passione si nascosero dentro un vulcano .... e la Dimenticanza ? veramente non lo ricordano...
....e la Disperazione era sconfortata vedendo che si era già a 999...

"MILLE ! Adesso verrò a cercarvi " -disse la Follia-

La prima ad essere trovata fu la Curiosità perchè non aveva potuto impedirsi di uscire per vedere chi sarebbe stato il primo ad essere scoperto.
Guardando da una parte la Follia vide l'Insicurezza sopra un recinto che non sapeva da quale lato avrebbe potuto nascondersi meglio... e così di seguito furono scoperte la Fede la Passione il Desiderio l'Invidia il Trionfo la Timidezza e via via tutti gli altri.

Quando finalmente si riunirono, la Curiosità domandò :

"Dov'è l'Amore ?"
Nessuno l'aveva visto... la Follia cominciò a cercarlo sugli alberi, sotto un sasso... sulla montagna... niente .. poi vide un roseto, prese un pezzo di legno e cominciò a frugare fra i rami spinosi quando ad un tratto, sentì un grido... era l'Amore che urlava dal dolore perchè una spina gli aveva perforato un occhio.
La Follia non sapeva cosa fare, si scusò per avere organizzato un gioco così stupido, implorò l'Amore per ottenere il suo perdono e commossa dagli esiti di quel danno irreversibile, arrivò al punto di promettergli che l'avrebbe assistito per sempre.
L'Amore, rincuorato, accettò la promessa e quelle scuse così sincere...

E così, da allora, l'Amore è cieco e la Follia l'accompagna sempre.

Anonimo

 

Racconti

1 voto. Media di 5.00 su 5.

Aggiungi un commento

Creare un sito gratuito con emioweb.it - Segnalare un contenuto inappropriato sul sito - Signaler un contenu illicite sur ce site